Con il voto favorevole di tutti i consiglieri (astenuto Balata), il Consiglio Federale ha approvato le condizioni presentate dal trust ‘Salernitana 2021’. La valutazione del Consiglio, che ha preso atto del parere positivo della COVISOC in merito alla valutazione della previsione finanziaria e della conseguente indipendenza, si è incentrata sul rispetto delle indicazioni richieste dalla FIGC per rendere il trust effettivamente indipendente dalle società disponenti e dalla SS Lazio.

“Non sono state fatte valutazioni politiche su questo tema – ha dichiarato Gravina in conferenza stampa – il mio unico obiettivo è la tutela del calcio italiano. Accettate le richieste per rendere indipendente il trust, adesso entro sei mesi la Salernitana dovrà cambiare proprietà, altrimenti è fuori dalla Serie A”. Il presidente federale ha inoltre anticipato che in occasione della prossima riunione del Consiglio Federale è sua intenzione proporre una norma che disciplini le multiproprietà anche per le situazioni pregresse, individuando un tempo congruo entro il quale adeguarsi.

Aprendo i lavori, Gravina ha informato il Consiglio di aver scritto al Sottosegretario allo Sport della Presidenza del Consiglio per verificare, stante la sensibile riduzione dei contagi nel nostro Paese, la possibilità di consentire un pieno ritorno dei tifosi negli stadi con l’inizio dei nuovi campionati. Il numero uno della FIGC, inoltre, ha rinnovato l’invito al confronto tra le varie componenti per accelerare sul tema delle riforme, preannunciando l’imminente convocazione di una riunione collegiale sul tema.

Nella sua informativa, il segretario generale Marco Brunelli ha illustrato le modifiche apportate alla bozza del nuovo protocollo sanitario per i ritiri estivi, il precampionato e le gare ufficiali del calcio professionistico e della Serie A femminile cui è attesa ancora l’approvazione dagli organi ministeriali competenti. Brunelli ha anche anticipato che il medesimo aggiornamento verrà fatto nei prossimi giorni anche per il protocollo che regola l’attività dilettantistica e giovanile, di livello nazionale e regionale.

FONTE: FIGC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *