Napoli-Bologna regala una notte di grandi conferme per gli azzurri che con un netto 3-0 riconquistano la vetta della classifica in condominio con il Milan. Due rigori magistralmente realizzati da capitan Insigne ed un eurogol di Fabian rendono il match subito in discesa. Il palleggio partenopeo al 70′ a risultato acquisito, conferma uno stato di forma impeccabile dell’undici di casa, sempre lucido e focalizzato sull’obiettivo. Sono tantissimi i dati positivi emersi: in primis al 70′, il risultato è ormai messo in cassaforte sul 3-0 e Rrahmani e soci continuano a dare spettacolo.

Palleggio di qualità, occasioni create, giocate di prima e la proverbiale melina che non vuole fungere da scherno agli avversari ma vuole dare un chiaro segnale. Il Napoli c’è, è lucido in ogni momento della gara, avido di divertimento e qualità, sempre sul pezzo, sempre famelico, maturo, di squadra. Insomma, tutto ciò che mancava negli scorsi anni e che davvero potrebbe regalare alla rosa tutta un salto di qualità non da poco. Seconda nota positiva, il feeling ritrovato da Lorenzo Insigne ed i calci di rigore, tirati magistralmente: nessuna chance ai compagni di portarsi sul dischetto, ci pensa il capitano a risolverla da leader. Infine, ottime prestazioni anche dei singoli, partendo dai tanto discussi terzini: ottimo voto in pagella per Di Lorenzo e Mario Rui, così come il ritorno in campo nel finale del lungodegente Ghoulam.

PARLA IL CAPITANO INSIGNE. “Rigori? Sono sempre stato pronto a ricalciarli. I rigori li sbaglia chi li calcia, oggi ero sereno ma era più importante vincere e rispondere al Milan. È una grande risposta, ma il campionato è ancora lungo, sappiamo che siamo forti. Dobbiamo continuare così, il cammino è molto lungo. Pensiamo partita dopo partita. Il rinnovo? Sono sereno, se ne sta occupando come sempre il mio agente, io penso solo a giocare ed a divertirmi in campo”.

PARLA IL VICE DOMENICHINI. “Siamo una squadra che ha qualità, non so dirvi se è la più forte, ma abbiamo grandi ambizioni e siamo appena alla decima giornata. Stavolta siamo stati più lenti, un po’ macchinosi, ma c’ è tempo e possibilità di migliorare. C’ è da lavorare e c’ è da pensare subito alla difficile trasferta di Salerno. E Luciano, se lo conosco, avrà qualcosa da dire, perché pure nelle partite migliori ci sono situazioni da analizzare per crescere ancora”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.