I viola allo stadium ci provano, ma le mani di Perin fermano le offensive di Cabral e Sottil, mentre una punizione di Biraghi sfiora l’incrocio. 

La Juve invece colpisce con Bernardeschi nel primo tempo e in contropiede a tempo scaduto nella ripresa con Danilo. 

In finale ci vanno i bianconeri, ma il percorso dei viola in Coppa Italia con le vittorie a Napoli e Bergamo e le due prestazioni alla pari contro la Juve, non possono che far tenere la testa alta al gruppo di Italiano.

DS PRADE’ – “Abbiamo fatto un bellissimo percorso e questi ultimi 180′ ci lasciano l’amaro in bocca, perchè la differenza non si è vista. Questa sconfitta sarà motivo di crescita. Dobbiamo guardare ora alle 6 finali che mancano alla fine della stagione in campionato. Sono contento del lavoro dei ragazzi. Dobbiamo diventare più cinici e determinati. Con il tempo miglioreremo questi aspetti e vedo solo un futuro roseo”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.