Dentro un incubo, piuttosto che nella Bolla di Budapest per la Champions Isl, l’unica gara importante almeno fino a maggio. Federica Pellegrini comincia nella sua casa di Verona la quarantena per la positività al coronavirus. Dalla città in cui Fede compì 18 anni, fece il grande slam nel 2010 e vinse l’oro mondiale 2017. Matteo Giunta dimostra la sua vicinanza all’atleta e queste sono le parole del suo allenatore e fidanzato, riportate dalla ‘Gazzetta dello Sport’: “Fede ha seguito sempre tutte le misure di sicurezza e ora si trova costretta a fermarsi e a saltare l’ISL. Gareggiare è la cosa più importante per un atleta. A Budapest poi Federica si sarebbe confrontata con le avversarie che ritroverà negli appuntamenti futuri, era un’occasione quasi unica per tastarsi sul piano tecnico e psicologico, componenti che l’allenamento non ti dà. Tuttavia ora quello che più conta per Fede è che torni presto a stare bene, ma è un umana e non un robot»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.