Missione paracadute. Chiamato a guidare l’Italia stasera nell’amichevole contro l’Estonia in sostituzione del commissario tecnico Roberto Mancini, risultato positivo al COVID-19, Alberico Evani ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match della Nazionale. L’allenatore, affiancato da Salvatore Sirigu, ha parlato del momento degli azzurri, che dopo la gara di oggi affronteranno in Nations League la Polonia e la Bosnia-Erzegovina. Le parole del tecnico: “È un ritiro complicato, non devo dirlo io, si nota. Quello che mi fa stare tranquilli è la disponibilità dei ragazzi e lo spirito di gruppo. Mancini è come se fosse qui con noi: ci sentiamo spesso durante la giornata, vede gli allenamenti in diretta. Ci manca la sua presenza, la squadra ha bisogno di lui“. Evani ha commentato il suo esordio sulla panchina azzurra: “Allenare la Nazionale è un onore, ma non in queste circostanze, visti i problemi di salute di Mancini. Al netto di questo periodo complicato, avevamo messo in preventivo quello di giocare questa gara dando più spazio ai giovani e a chi ha avuto meno possibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.